Prelude

Prelude

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata da Alessandra Barsotti.

2 thoughts on “Prelude

  1. Tu, che hai voluto disegnare d’abitudine la tua vita,
    che di altre scelte hai arredato la tua casa
    rubandomi quei sogni che insieme costruimmo.
    Mi leggi le ferite e guardi altrove
    perché sia lieve il rimpianto della fuga,
    le impronte incise sulla neve
    di quel noi che saremmo stati.
    E no, non resterò ancora ad aspettare
    chi non ha avuto il coraggio di vivermi.
    Già non ricordo le tue ultime parole
    rimaste impigliate su labbra
    ad aspettare voce e baci senza fiato.
    Sarò per te il rimpianto
    che lacrima di assenza.

    (Poesia di Stefania Lastoria)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: